Immaginando vacanze… ideali, la nostra storia

PACIANO – Viaggiare è conoscere, avere uno sguardo differente sulle cose, e il Trasimeno ha tante belle storie da raccontare, ma prima di tutto vogliamo raccontarvi la nostra perché se sarete, o siete stati, nostri ospiti pensiamo sia bello potervi raccontare le origini di questo progetto, nato in famiglia e sviluppato dai suoi membri nel corso degli anni. Vacanze Ideali & Tenuta Badia non è solo un luogo di villeggiatura, ma un viaggo in quel passato che non bisognerebbe dimenticare mai, perché le origini sono importanti per costruire un domani migliore.

Storia di un agriturismo a Paciano

A partire dalla seconda metà del ‘900 il fabbricato principale (ora Vacanze Ideali) era utilizzato come abitazione della Famiglia Balestro (Anselmo, Umberto e Pietro) nella superficie che oggi interessa gli alloggi “IL PADRONE” e “IL CONTADINO”. Per conservare intatto il ricordo, gli altri appartamenti al piano terra “LA CANTINA”, “IL FIENILE”, “LA STALLA” mantengono il nome dell’originario utilizzo dell’epoca.
La ristrutturazione è stata progettata in modo da mantenere inalterate le caratteristiche delle costruzioni di un tempo, con spesse mura portanti e facciate interamente in pietra, tetti in coppi antichi e tegole. Internamenti alcuni alloggi presentano soffitti molto alti, mentre altri invece hanno solai in travi in legno e pianelle, altri ancora a voltine in acciaio e laterizio. I pavimenti sono tutti rigorosamente in cotto.
A distanza di 3 anni, nel 1995 è stata realizzata la prima piscina (m 6,00 x 12,00) il solarium ed i servizi al piano interrato.

DSC_1182

Tenuta Badia: l’azienda agricola

Nel 1999 è nata invece Tenuta Badia ‘99 srl, azienda agricola specializzata nelle coltivazioni di cereali (grano, mais, girasole) e produzione di olio, vino e prodotti da orto, che ad oggi si occupa della gestione delle vecchie strutture che sono state  recuperate a completamento ed integrazione della struttura ricettiva primaria.
Il primo progetto realizzato ha interessato “La Capanna”, tipica struttura contadina sempre presente nell’aia per lo stoccaggio della “pula”, poi della paglia e del fieno, mediante la ricostruzione del volume preesistente con utilizzo dei materiali recuperati come i vecchi mattoni, le pietre del basamento e le travi di legno per mantenere viva “la memoria” ed il disegno originario. Nello stesso periodo inoltre è stata realizzata la seconda piscina, a forma di fagiolo (m. 5,50 x 11,00)
Nel 2002 il secondo progetto ha interessato “Le Casette”, mediante la ricostruzione ex-novo della “porcilaia” e delle stalle di conigli e galline. Mantenendo inalterati i volumi ed il perimetro, la costruzione è caratterizzata dall’uso di mattoni faccia/vista e classico tetto in tegolcoppo e soffitti con travi in legno e pianelle.
Gli alloggi ricavati sono “L’Etrusco”, “Il Perugino” e “Ex Pacciano”.
Nel 2005 il terzo ed ultimo progetto ha rappresentato il completamento del piano generale di recupero di tutti gli annessi presenti nell’azienda e nello specifico di quello originariamente destinato a rimessa di macchine agricole e magazzino dal quale sono stati ricavati 3 alloggi, 1 camera ed una sala comune a servizio delle piscine. I nomi degli alloggi si legano in maniera profonda al lago Trasimeno sullo sfondo, visto che i nomi Agilla e Trasimeno sono d’ispirazione mitologica.
Il mattone faccia-vista, che più di tutti si integra con i colori del territorio circostante, è il materiale utilizzato per le facciate.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.